igor580x388

La cultura HIP HOP si basa su quattro forme artistiche:

  • il Djing, incentrata sulla figura del dj e consistente nella manipolazione sonora di tracce musicali preesistenti attraverso due giradischi;
  • l’ Mcing, pratica secondo cui l’mc “master of cerimonies”, intrattiene il pubblico esprimendosi in rima, improvvisando e creando liriche;
  • il Bboying ovvero la disciplina della danza“street dance o breakdance”;
  • il Writing o Aerosol Art, cioè l’arte grafica che utilizza le bombolette spray per colorare la città.

Suoni nati nelle strade di Harlem, del South Bronx, nei quartieri ispanici di New York, poesia orale urbana recitata su basi sonore cadenzate, ballata nelle strade, dipinta sulle metropolitane! Per definire l’HIP HOP occorre evocare gli scenari della subcultura losangelina e newyorchese, che hanno dato vita all’espressione più diffusa delle comunità del ghetto americano, dalla fine degli anni ’60 ad oggi.

L’obiettivo del corso è di far conoscere questa cultura ormai globalizzata, attraverso la musica e la danza, promuovendo l’aggregazione e lo spirito di appartenenza, stimolando l’espressività e la creatività sia individuale che di gruppo, mediante lo studio degli stili e delle tecniche.

Igor Bravin è un insegnante di ed. fisica, che lavora nelle scuole secondarie di I e II grado della provincia di Pordenone. Si è diplomato all’ISEF dell’Università di Urbino e abilitato all’Università di Udine, discutendo due tesi sulla cultura Hip Hop.

Dal 1998 lavora nell’associazionismo sportivo (attività motorie e giochi-sportivi), nelle palestre pubbliche e private (corsi di fitness e wellness) e nelle scuole danza.

Ormai da trent’anni è a contatto con la cultura HIP HOP in modo sempre più consistente, con un approccio inizialmente autodidattico che si è trasformato negli anni in uno studio vero e proprio, grazie alla formazione e all’aggiornamento in scuole danza quali CRUISIN’ ed IDA.